I campioni in doppio dell’edizione 2021 delle Nitto ATP Finals sono Pierre-Hugues Herbert e Nicolas Mahut. I francesi hanno sconfitto in finale la coppia accreditata della seconda testa di serie, Rajeev Ram e Joe Salisbury, col punteggio di 6-4 7-6(0) in un’ora e 32 minuti di gioco.

“È una sensazione indescrivibile vincere qua il nostro secondo titolo alle Finals” afferma Mahut dopo il successo. “Abbiamo perso contro di loro nei gironi in una partita lontanissima, oggi abbiamo giocato davvero bene e sapevamo di doverlo fare per spuntarla. Credo che questo sia stato il nostro miglior incontro di tutta la settimana. Terminare così una stagione, alzando questo trofeo così importante, è per noi un risultato straordinario”.

Aggiunge un raggiante Herbert: “Loro sono stati molto bravi sulle nostre palle break, ma noi abbiamo spinto per tutta la durata dell’incontro. Siamo arrivati al tiebreak che è il momento di massima tensione, ma Nico mi ha tolto ogni stress con quella splendida risposta nel primissimo punto, che colpo. Nico è un giocatore unico”.

Herbert/Mahut hanno conquistato a Torino il proprio 20esimo titolo in carriera, il secondo alle Nitto ATP Finals dopo il successo del 2019, quando superarono in finale la coppia formata da Raven Klaasen e Michael Venus all’O2 di Londra. I francesi nel 2021 hanno vinto altri due tornei, i cinch Championships sull’erba di Londra e il Roland Garros (in finale su Bublik/Golubev).

Mahut è stato il giocatore più attivo nell’arco dell’intero match. È stato autore del primo affondo con una splendida risposta lungo linea che ha sorpreso Ram sulla rete. Herbert ha quindi portato la coppia in vantaggio sul 2-1 nel primo set con un diritto vincente al centro. I francesi hanno servito bene e chiuso ogni palla sulla rete, non trasformando la chance per volare avanti 4-1 sul servizio di Ram, grazie ad alcune ottime giocate dell’americano. Herbert/Mahut non hanno perso un solo punto con la prima di servizio (vincendo 20 dei 25 punti serviti in totale), aggiudicandosi il primo set in 38 minuti.

Mahut, Herbert

Nel secondo parziale regge l’equilibrio, con i francesi perfetti nei propri turni di servizio (nessuna palla break concessa) mentre Ram e Salisbury sono costretti a vincere al punto secco il proprio turno di battuta sul 2 pari e sul 3 pari. Il parziale si decide al tiebreak e, quando i punti scottano, Mahut sale in cattedra. Nicolas prima spara una risposta velocissima al corpo di Salisbury e quindi trova due prime di servizio imprendibili, portando la coppia francese avanti 3-0. Salisbury sbaglia una volée non impossibile in avanzamento, consegnando il punto del 4-0 ai rivali, e quindi Mahut trova un’altra risposta micidiale, per il 5-0. Herbert completa l’opera servendo con precisione. Il tiebreak si chiude 7-0 per i francesi, di fatto senza uno scambio. 

“Vincere per la seconda volta mi lascia senza parole. Abbiamo giocato a un buonissimo livello in finale ma direi in tutto il torneo” continua Mahut nell’intervista in campo. “È come Benjamin Buttom”, scherza Herbert sul proprio compagno, “Ha quasi 40 anni ma gioca sempre meglio, è un giocatore e persona fantastica”. “Ho una certa età ormai”, afferma ridendo Mahut, “per questo devo ringraziare la mia famiglia e il mio team che continua a spingermi affinché possa dare il mio meglio ogni giorno. Ringrazio anche Pierre-Hugues, giochiamo insieme da molti anni ed è sempre un piacere dividere il campo con lui”.

Herbert (30 anni) e Mahut (39) sono la prima coppia a raggiungere tre finali alle Nitto ATP Finals nell’arco di quattro anni da quando ci riuscirono gli indiani Mahesh Bhupathi e Leander Paes, che si giocarono il match per la coppa nelle stagioni 1997, 1999 e 2000. Ram e Salisbury chiudono con una sconfitta un 2021 eccellente, che li ha visti trionfare a US Open e a Toronto.